Sulle orme del Capitano Orsoblu

Socializzazione del percorso 2017/18 di pedagogia teatrale per bambini da 6 a 10 anni “La Valigia Magica”. La congrega dei sapienti ha iniziato a lavorare sullo Sviluppo del Pensiero Critico allenando l’abilità che l’essere umano deve sviluppare per imparare a risolvere i problemi. La congrega ha analizzato e valutato alcune informazioni, ottenute dal racconto di una storia attraverso l’osservazione, l’esperienza, il ragionamento e la comunicazione, rispondendo alle informazioni piuttosto che limitarsi ad accettarle, Interrogarsi è la componente più importante del pensiero critico. Si interseca con discipline come le scienze, la matematica, la storia, l’economia e la filosofia, tutte necessarie per…

Leggi...

Librandia. La città dei libri sognanti

Socializzazione del percorso 2016/17 di pedagogia teatrale per bambini da 6 a 10 anni “La Valigia Magica”. Chi percorre la Zamonia occidentale lungo l’altipiano di Dilà in direzione est, superati finalmente i mari d’erba ondeggiante, si trova all’improvviso davanti a un orizzonte d’una profondità impressionante. Lo sguardo si perde all’infinito su una pianura piatta che, in lontananza, sfuma nel deserto Dolce. Nella steppa dalla scarsa vegetazione il viandante può scorgere, quando il tempo è sereno e l’aria limpida, una macchiolina che s’ingrandisce rapidamente a patto di camminarci incontro spediti. Una macchia che assume ben presto tratti seghettati, dalla quale spuntano…

Leggi...

Cechoville

7-12 Marzo 2016 Čajka Teatro d’Avanguardia Popolare via della Meccanica-Modena Cechoville laboratorio di teatro urbano su Anton Cechov direzione Riccardo Palmieri di Arterie C.i.r.t. ideazione Monica Ciarcelluti di Arterie C.i.r.t. promosso da Arterie Cirt con il sostegno de Le Funambole in collaborazione con Instabile 19 e TeatroLab Cechoville nasce come laboratorio permanente e itinerante per la messa in scena di “Viaggio a Cechoville”, spettacolo di teatro urbano. Il gruppo di ricerca guidato da Monica Ciarcelluti, attrice e regista di Arterie, ha il fine di mettere l’attore in continua posizione speculativa affinché la messa in scena sia sempre rigenerata e viva….

Leggi...

Aperte le iscrizioni al Corso in Teatro d’infanzia

Sono aperte le iscrizioni al Corso di formazione continua in Teatro d’infanzia. Destinatari del corso: educatori, gestori e coordinatori di asilo nido, insegnanti della scuola dell’infanzia, operatori dei servizi per l’infanzia. Il corso teorico-pratico si propone di formare operatori capaci di utilizzare il potenziale educativo del teatro nella progettazione e realizzazione di percorsi laboratoriali che facciano uso di linguaggi e tecniche dell’arte teatrale all’interno della normale prassi educativa. L’abilità che si intende costruire non è quella dell’attore, ma è quella di un educatore capace di raggiungere i propri obiettivi formativi attingendo all’ambito della “teatralità”, per una gestione più consapevole della…

Leggi...

Pedagogia del Movimento

SEMINARIO INTRODUTTIVO al “Corso di Formazione in Pedagogia del Movimento” LA DANZA VA A SCUOLA III Edizione Ottobre 2015 Sabato 24 | Domenica 25 Roma a cura di Susanna Odevaine Il seminario propone un punto di vista sull’educazione al movimento e offre degli esempi di pratiche laboratoriali rivolte ai bambini in ambito scolastico, che ciascuno potrà modulare secondo la propria necessità e sensibilità. Il seminario inoltre, è un’occasione per conoscere alcuni dei principi generali alla base del Corso di Formazione in Pedagogia del Movimento La danza va scuola. L’incontro prevede diverse fasi: esperienze pratiche, analisi del lavoro svolto (finalità, contenuti,…

Leggi...

Hortus conclusus

Torna allo Spazio Matta il grande maestro del Teatro Contemporaneo Jurij Alschitz con un laboratorio su Anton Cechov e il teatro-postdrammatico. Hortus conclusus – L’arte della distruzione per la creazione 11-16 ottobre 2015

Leggi...

Le mirabolanti avventure del Cavaliere errante – socializzazione

Il percorso laboratoriale “La Valigia Magica” per bambini da 6 a 9 anni quest’anno ha visto ripercorrere le mirabolanti avventure di Don Chisciotte e del suo scudiero Sancio Panza attraverso la sua mente al galoppo tra spazio e tempo. I suoi personaggi lo prendono, in un vortice girano, corrono, lo assalgono come fantasmi in una notte di orribili rumori e, naufraghi su Barataria alla ricerca disperata di una identità che ansima di verità e di reale, alimentano il fuoco fatuo della fantasia.   Don Chisciotte vede ciò che non esiste. Don Chisciotte vede quello che palesemente non è pertinente all’universo…

Leggi...

Workshop di riuso

Nell’ambito del percorso di pedagogia teatrale “Le mirabolanti avventure del Cavaliere errante” è stato realizzato il workshop di scenografia curato da Silvia Giovannoli, docente di Corso di Riuso nel design presso l’Università Europea del Design di Pescara. Il laboratorio artistico-creativo ha coinvolto i bambini e i genitori nella manipolazione di diversi materiali di scarto per realizzare gli oggetti di scena. L’obiettivo del laboratorio è di sviluppare, attraverso la manualità, la consapevolezza fin dalla più tenera età che i rifiuti possono essere in realtà delle risorse, grazie all’importanza del loro riutilizzo, e, soprattutto, che uno stile di vita individuale e collettivo…

Leggi...

Piccolo blu e piccolo giallo

Per inaugurare il progetto BimboTeatro è stato scelto “Piccolo blu e piccolo giallo“. Un libro sull’universo dei piccoli, un universo fatto di pochissimi elementi ma di una forza travolgente, di una verità assoluta legata ad un tempo che non conosce ieri e non conosce domani. La non dualità, la potenza dell’istante eternamente presente narrati con una leggerezza comunicativa ineguagliabile. Attraverso pochi tocchi di colore e poche parole, Lionni racconta l’intero mondo del bambino, racchiuso in un singolo istante di vita. Il verde e il blu che si mescolano per raccontare una grande storia di amicizia dove ognuno lascia tracce di sé…

Leggi...

TdO – Teatro dell’Oppresso

Stage intensivo sul Teatro dell’Oppresso a cura di Patrizia Corvino dal 1 al 3 maggio 2015 presso Spazio Più – Pescara Il Teatro dell’Oppresso (TdO) nasce negli anni ’60 in Brasile, ad opera di Augusto Boal, direttore del Teatro Arena di Saõ Paulo. Si basa su una precisa presa di posizione a favore degli “oppressi”, su un lavoro di coscientizzazione ossia di consapevolezza di ciò che succede in noi in relazione al mondo circostante e dei possibili cambiamenti per liberarci dalle oppressioni. Per conseguire questo scopo, Boal elaborò varie tecniche (teatro giornale, teatro forum, teatro immagine, teatro invisibile…) il cui…

Leggi...

TeatroLab©